Musica

La “musica celtica” è un’etichetta più che una realtà musicale definita e definibile. Senza dubbio avrebbe più senso parlare di musica (o meglio “musiche”) dei Paesi di area celtica.  Il grande ombrello della musica celtica serve a rendere accomunabili e riconoscibili al grande pubblico le musiche tradizionali (e le loro evoluzioni moderne) di molti paesi europei.
Tuttavia senza questo grande ombrello sarebbe impossibile dare a queste musiche un’identità comprensibile. Al di là delle evidenti differenze musicali, le contaminazioni fra musica bretone, irlandese  e scozzese (per parlare solo dei tre principali rami) sono evidenti ed innegabili, al punto che lo stesso repertorio è parzialmente condiviso. Ma quello che marchia a fuoco la musica celtica (in generale) è la sensazione su cui si struttura, che è un costante alternarsi di allegre danze e malinconici sospiri, canti di gioia e arie lamentose, sempre alla ricerca dell’espressione massima del sentimento romantico e nostalgico che pervade l’anima celtica europea.

Questo articolo potrebbe esserti sfuggito ...

“Gwerz Kêr Is”: lamento per la città d’Ys

“Quali nuove dalla città d’Ys?        Poiché la gioventù è tanto folle,poiché io sento il suono delle cornamuse,delle bombarde e delle arpe.  Nulla di nuovo accade ad Ys,soltanto baldoria tutti i giorni,null’altro ad Ys che le vecchie cose,e gozzoviglie tutte le notti  I portoni delle chiese         sono ormai sbarrati dai roviE contro i poveri che piangonovengono aizzati … More “Gwerz Kêr Is”: lamento per la città d’Ys

0 comments
CELTICPEDIA