Le danze irlandesi

La Musica tradizionale irlandese è essenzialmente musica da ballo. Una volta la gente si riuniva quasi ogni settimana per ballare in compagnia, alle riunioni partecipava tutta la comunità o il quartiere, o anche solo la famiglia con qualche vicino.La danza tradizionale irlandese che conosciamo oggi fu diffusa dai maestri di danza del XVIII° secolo; i maestri di danza … More Le danze irlandesi

Il Luckenbooth, pegno d’amore

Il Luckenbooth è una spilla ancora oggi molto diffusa in Scozia. Prende il nome dai Locked Booths del Royal Mile, nei pressi della Cattedrale di St. Giles ad Edimburgo, dove sembra fossero venduti durante il 1600. I Locked Booths erano delle bancarelle situate nella zona di Canongate, dove di giorno venivano venduti beni di ogni genere, persino gioielli. La … More Il Luckenbooth, pegno d’amore

Il principio delle calzature irlandesi e scozzesi

In antichità gli Irlandesi portavano ai piedi quello che definiva la propria posizione sociale all’interno delle comunità. Questa differenza si mostra soprattutto negli stili e nei vari disegni di taglio in certe tipologie di calzature che sono state ritrovate nel corso dei secoli. Le prime calzature irlandesi erano costruite dal taglio di un unico pezzo … More Il principio delle calzature irlandesi e scozzesi

Il currach

Il currach è una piccola imbarcazione che è tutt’ oggi utilizzata nella parte ovest dell’ Irlanda. E’ costituito da un’intelaiatura leggerissima, ricoperta in seguito da bitume per impermeabilizzarlo. Il currach può ospitare circa 4 persone. Queste barche sono il mezzo perfetto per solcare le onde e beffare il maltempo, ma sono molto poco resistenti agli urti (lo … More Il currach

Indoeuropeo: 5 – Aspetti culturali non linguistici / III parte

La pratica di ricostruzione linguistica si è spinta oltre, riuscendo a individuare formule tipiche di quella che doveva essere la poesia epica degli Indoeuropei. Infatti è stata riscontrata, sia nell’epos pseudo-omerico che nell’epica indiana antica, la presenza autonoma e indipendente di un particolare carattere espressivo composto dalla coppia aggettivo + nome, come accade, ad esempio, per il greco κλέος ἄφθιτον, … More Indoeuropeo: 5 – Aspetti culturali non linguistici / III parte

Indoeuropeo: 5 – Aspetti culturali non linguistici / II parte

Per quanto riguarda la vita intellettuale e la morale degli Indoeuropei avremmo maggiori informazioni se conoscessimo in modo più preciso la loro religione ed i rituali ad essa connessi. Sfortunatamente le idee religiose e il fondo mitico sono difficili a riconoscere, poiché la corrispondenza dei nomi che è peraltro assai rara, non ci permette di … More Indoeuropeo: 5 – Aspetti culturali non linguistici / II parte

Indoeuropeo: 5 – Aspetti culturali non linguistici / I parte

1 – Dalla lingua ai popoli2 – Il problema delle origini3 – Ipotesi sulle origini4 – Il quadro complessivo alla luce dei dati etnici e linguistici5 – Aspetti culturali non linguistici e relative comparazioni linguistiche6 – Classificazione delle lingue Indoeuropee7 – Cronologia8 – Riferimenti 5 – Aspetti culturali non linguistici e relative comparazioni linguistiche   L’aspetto culturale predominante … More Indoeuropeo: 5 – Aspetti culturali non linguistici / I parte

Crupellarii

I romani non erano gli unici ad usare i gladiatori, anche i presso i Celti erano diffusi.Il primo a parlarcene è Livio che ci narra di come l’armata cartaginese di Annibale, in marcia verso l’Italia, dovette interrompere per diversi giorni l’avanzata per fronteggiare i mercenari celtiberi. Essi utilizzarono degli scontri singoli e la loro opposizione … More Crupellarii

The Great Famine

Nell’ autunno del 1845 l’Irlanda superava gli 8 milioni di abitanti. Molti di loro vivevano in assoluta povertà e si guadagnavano a malapena da vivere con piccoli appezzamenti di terreno. La fame non era una novità per le famiglie contadine: le patate erano l’ortaggio più coltivato e, più di una volta, grandi parti dei raccolti … More The Great Famine

Le pedine vichinghe di Lewis: scacchi o hnefatafl?

Il 2 Aprile 1831, uno sconosciuto mercante di Stornoway, Roderick Pirie (o Captain Ryrie o Ririe, l’identità è a tutt’oggi incerta), decise di mettere in mostra a Edimburgo la sua meravigliosa collezione di pedine medievali, rinvenute, a suo dire, presso la baia di Uig, sull’isola di Lewis, sepolte sotto 2 metri di sabbia. Scolpite in preziosa zanna di tricheco … More Le pedine vichinghe di Lewis: scacchi o hnefatafl?